Documento approvato a maggioranza dal Collegio dei docenti dell’IS Lucio Lombardo Radice di Rom

inviato da Guido De Marco – Il Disegno di legge sulla scuola del governo, recentemente approvato dalla Camera, stravolge radicalmente la natura della scuola italiana. Ovviamente, contiene alcuni aspetti positivi che tuttavia non attenuano il disastro che si sta prefigurando. L’approvazione dei vari articoli del DDL è proseguita nonostante uno sciopero che ha avuto una percentuale d’adesione altissima, nonostante la richiesta di tutti, proprio tutti, i sindacati e le forze politiche d’opposizione, di riconsiderarne almeno i contenuti più sconcertanti. Alcuni degli aspetti più importanti della controriforma sono inoltre delegati completamente al governo, che potrà modificare senza alcuna discussione parlamentare il Testo Unico sulla scuola (art. 22), che prevede, ad esempio, alla lettera i) del comma 2, “la definizione dei criteri e delle modalità di selezione, destinazione e permanenza in sede del personale docente e amministrativo” così come “la revisione del trattamento economico del personale docente e amministrativo”. Il DDL, senza alcuna seria consultazione sindacale, stabilisce inoltre che “le norme e le procedure contenute nei contratti collettivi contrastanti con quanto previsto dalla presente legge sono inefficaci” (art. 23, comma 5).

Mozione contro il DDL 2994 “La Buona Scuola ” I.C. di San Bartolomeo in Galdo (BN)

I docenti e il personale ATA dell’Istituto Comprensivo “Leonardo Bianchi” di San Bartolomeo in Galdo (BN), riuniti in assemblea sindacale, indetta dalla RSU d’istituto il giorno 28 Maggio 2015, esprimono la propria netta contrarietà rispetto al Disegno di Legge 2994 denominato “La buona scuola”, attualmente in discussione in Parlamento e ritengono che presenti numerosi elementi di criticità. L’assemblea ritiene, infatti, che il Disegno di Legge:

Mozione approvata oggi all’unanimità da parte delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Istituto Comprensivo “Bartolini” di Vaiano (PO)

Paolo Bruni – Noi, lavoratrici e lavoratori dell’Istituto Comprensivo “Bartolini” di Vaiano, riuniti il 28 maggio 2015 in sessione sindacale, ci sentiamo lesi, in primo luogo nella nostra dignità, dal più profondo ed insidioso attacco alla scuola pubblica mai concepito, rappresentato dal Ddl 2994 del Governo Renzi.

Catena umana in passeggiata a Viareggio contro “cattiva scuola” del Governo Renzi

CoordinamentoScuole della Versilia – Mercoledì 27 maggio, nel pomeriggio, lungo lapasseggiata di Viareggio gli insegnanti e i lavoratori della scuoladel Coordinamento Scuole della Versilia hanno organizzato un flashmob per dire ‘No’ alla riforma della scuola del Governo Renzi, rinominata “Cattiva Scuola”. Indossando delle pettorinecatarifrangenti sono sfilati oltre 250 tra lavoratori delle scuoledella Versilia, genitori, studenti, cittadini e forze sindacali.

Lucca boccia la riforma della scuola

Coordinamento Scuole di “Lucca e Dintorni” – Mercoledì 27 Maggio, alle ore 17.00, presso i locali esterni del Foro Boario, si è svolta un assemblea cittadina sul tema della “Buona scuola”. Sulla scia di martedi 19 maggio, giornata di mobilitazione nazionale contro il Disegno di Legge sulla Scuola del Governo Renzi, insegnanti e lavoratori del personale ATA del Coordinamento Scuole di “Lucca e Dintorni”, hanno organizzato diversi presidi di fronte a molti degli istituti di Lucca, dove lavorano:

Genitori e studenti del Liceo AINIS di Messina contro il DDL Buona Scuola

inviato da FLC CGIL Messina – I genitori e gli studenti del Liceo “E. Ainis” di Messina, in accordo col personale docente e non docente, intendono esprimere la propria preoccupazione e il profondo disaccordo verso l’approvazione del DDL detto della “Buona Scuola”. Premesso che tutta la comunità scolastica è da tempo convinta della necessità di apportare miglioramenti qualitativi nella scuola, riteniamo che la proposta del DDL suddetto non vada in questa direzione.

DDL Scuola. Documento assemblea docenti ‘I.I.S. “Fermo Corni” di Modena

Andrea Lombari e tutti i colleghi del gruppo Attivi/e dell’istituto Corni – I docenti dell’I.I.S. “Fermo Corni”, riuniti in assemblea il 22 maggio 2015, ritengono che il testo del disegno di legge “ La Buona Scuola”, votato dalla Camera il 20 maggio 2015, non dia risposte alle richieste che stanno alla base di una mobilitazione condivisa e partecipata dall’intero mondo della scuola. Infatti, nonostante gli emendamenti approvati, nel testo del disegno di legge: