Sicilia: scuola statale e bene comune

inviato da Maria Pia Labita – La Regione Sicilia è una delle più colpite dalla dispersione scolastica e dall’insufficiente risposta ai bisogni delle famiglie su tutto il territorio, con particolare riferimento all’ordine di scuola di base, rappresentato dalla scuola dell’infanzia (non assicurata neppure ai bambini di 5 anni) , dalla scuola primaria (ex scuola di eccellenza svilita dai tagli della Moratti prima e della Gelmini poi in coppia con l’ineffabile Tremonti) e dalla scuola secondaria di 1° grado.