Il 13,9% degli studenti marchigiani lascia la scuola dopo le medie. A Chiaravalle una due giorni per affrontare il problema

banner

Ufficio stampa Uil Scuola Marche – Il 13,9% dei giovani marchigiani tra i 18 e i 24 anni abbandonano la scuola dopo aver conseguito la licenza media. Meno delle media nazionale (17%), in calo rispetto all’anno precedente (15,8%) e anche se gli ultimi dati disponibili sono del 2013 siamo ben lontani dagli obiettivi fissati dall’Unione Europea che fissa il raggiungimento del 10% entro il 2020.

Un tema, quello dell’abbandono scolastico, che sarà discusso all’interno del seminari nazionale “Il paradigma dell’abbandono scolastico: la metafora del disagio” organizzato per venerdì 16 (dalle 14.30 alle 19.30) e sabato 17 ottobre (dalle 9 alle 13) al teatro Valle di Chiaravalle da Irase Ancona (Istituto di Ricerca Accademica Sociale ed Educativa) e Fondazione Montessori.

Due giorni di formazione per docenti con gli interventi di docenti ed esperti che porteranno alla luce i dati del fenomeno e tenteranno di dare risposte operative per limitare questa problematica. L’iniziativa sarà aperta venerdì 16 alle 14.30 dagli interventi di saluto di Loretta Bravi (assessore regionale Pubblica Istruzione), Damiano Costantini (sindaco di Chiaravalle), Rita Scocchera (dirigente tecnico Ufficio Scolastico Regionale) e Rosa Venuti (presidente nazionale Irase). I relatori del primo giorno sono Luciano Mazzetti (presidente Centro Internazionale Montessori di Perugia), Federico Batini (docente università di Perugia), Valentina Grion (docente università di Padova). Il dibattito sarà coordinato da Italo Tanoni, già Ombudsman Regione Marche.

Il secondo giorno di seminario sarà aperto da Cesare Porcelli (direttore dipartimento Neurospichiatria infantile dell’università di Bari), Antonio Cartelli (docente università di Cassino e Lazio Meridionale) e Monica Tola (Caritas). Al successivo dibattito, coordinato dal presidente Irase Ancona, Elio Carfagna, parteciperanno anche la segretaria nazionale della Uil Scuola Noemi Ranieri e Maria Dentamaro (dirigente scolastico Ic Mazzini Modugno di Bari).