Abbandono scolastico: nelle Marche, 1 studente su 5 non finisce le superiori

banner

Il 70% dei casi di abbandono scolastico prima di iscriversi alle superiori sono dovuti a una bocciatura alla scuola media. Questo dato è emerso nel corso del primo giorno, oggi, venerdì 16 ottobre, del seminario organizzato a Chiaravalle da Irase Ancona e Fondazione Montessori per analizzare e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica.

“Le Marche – ha evidenziato Rita Scocchera, dirigente dell’Ufficio Scolastico regionale – con Liguria e Toscana sono a rischio, spesso anche per la facilità di trovare lavoro a basso tasso di qualificazione. Nel triennio 2011/2013 gli indicatori sono cresciuti del 3%”. Un altra indagine, condotta in un quinquennio e contando gli iscritti a una prima superiore per poi rifare l’appello al termine del ciclo di studi, ha evidenziato un abbandono del 20% di media regionale: si va dal 15% delle scuole della provincia di Ancona al 28% di quelle di Ascoli.

Ai saluti iniziali hanno partecipato anche l’assessore regionale alla scuola Loretta Bravi e l’assessore all’Istruzione del Comune di Chiaravalle Francesco Favi. Teatro Valle pieno per gli interventi di Luciano Mazzetti (presidente Centro Internazionale Montessori di Perugia), Federico Batini (docente università di Perugia), Valentina Grion (docente università di Padova). Il dibattito sarà coordinato da Italo Tanoni, già Ombudsman Regione Marche.
Domani, sabato 17, secondo giorno (dalle 9 alle 13) con Cesare Porcelli (direttore dipartimento Neurospichiatria infantile dell’università di Bari), Antonio Cartelli (docente università di Cassino e Lazio Meridionale) e Monica Tola (Caritas). Al successivo dibattito, coordinato dal presidente Irase Ancona, Elio Carfagna, parteciperanno anche la segretaria nazionale della Uil Scuola Noemi Ranieri e Maria Dentamaro (dirigente scolastico Ic Mazzini Modugno di Bari).