Supplenze. Riconosciuto diritto a risarcimento ed a progressione economica a precari molisani

banner

I Tribunali del lavoro riconoscono a docenti e personale Ata della scuola molisana il risarcimento del “danno comunitario” per l’illegittimo ricorso al contratto a termine, oltre alla progressione economica stipendiale derivante dall’anzianità lavorativa maturata, seppure con i diversi contratti a termine che si sono susseguiti nel tempo.

“I magistrati hanno ritenuto che la reiterazione abusiva dei contratti a scadenza deve considerarsi illegittima e il Ministero deve essere assoggettato alle conseguenze sanzionatorie della “illecita condotta”.
Si tratta del “danno comunitario”, il cui risarcimento – ha spiegato l’avvocato che ha seguito la causa – è configurabile quale sanzione “ex lege” a carico del datore di lavoro”.

I Giudici del lavoro di Larino e Isernia hanno aderito alle considerazioni della Corte Europea e, dopo aver accertato il ricorso abusivo della Pa al rapporto di lavoro a termine, hanno superato il quadro normativo nazionale. I giudici frentani hanno riconosciuto ai ricorrenti il diritto al risarcimento del danno liquidato nella misura di 15 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto, oltre a interessi legali e rivalutazione monetaria; inoltre per ciascun ricorrente ha riconosciuto il diritto alla progressione economica stipendiale.

Il Tribunale di Isernia ha, invece, riconosciuto, a titolo risarcitorio, somme da correlarsi, caso per caso, al numero dei contratti che si sono succeduti, alla loro durata e all’intervallo di tempo tra l’uno e l’altro.

Secondo l’avvocato “I giudici per superare la ‘trappola della precarietà’, sono ricorsi alla normativa sovrannazionale dandone diretta e immediata interpretazione e applicazione nello stato italiano riconoscendo diritti altrimenti preclusi alle migliaia di precari della scuola”.