Lingua sarda. Il consiglio dei ministri approva norme di tutela

banner

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo per il trasferimento delle funzioni in materia di tutela della lingua e della cultura delle minoranze linguistiche storiche nella Regione.

In un comunicato della presidenza del Consiglio si spiega che il decreto disciplina il trasferimento dell’esercizio delle funzioni amministrative in materia di tutela della lingua e della cultura delle minoranze sarda e catalana alla Regione, nonché l’esercizio di specifiche competenze legislative.

“Accogliamo con soddisfazione l’approvazione, da parte del Governo, delle norme di attuazione del nostro Statuto speciale in materia di promozione e valorizzazione della lingua e della cultura sarda e catalana. Era un passaggio che la Sardegna attendeva da tempo e che ci consentirà finalmente di attuare quell’importante aspetto della nostra specialità che è l’autonomia linguistica. Potremo finalmente dare nuovo impulso ai vari strumenti di promozione e valorizzazione delle nostre lingue identitarie” ha detto il presidente della Regione Francesco Pigliaru intervenendo oggi a Roma, alla seduta del Consiglio dei Ministri che ha approvato lo schema del decreto legislativo.

“Il trasferimento delle competenze dallo Stato alla Regione ci consentirà un ruolo diretto nella distribuzione delle risorse dedicate in funzione degli obiettivi, indirizzi e priorità stabiliti dagli atti di programmazione regionale in materia”, ha proseguito Pigliaru. “Ciò va naturalmente a investire alcuni settori nevralgici circoscritti dalla legge 482/99 quali, ad esempio, l’uso o l’insegnamento delle lingue minoritarie del territorio nelle scuole di diverso ordine e grado.

Siamo consapevoli che un simile trasferimento imporrà un impegno gravoso in termini di programmazione e coordinamento ma che permetterà interventi diffusi, incisivi e continuativi. Migliorando il regime generale delle entrate, poi, potremo attuarlo al meglio. Ritorna dunque centrale – ha concluso il presidente – la rapida approvazione delle norme di attuazione dell’art.8 dello Statuto, che ci auguriamo possa avvenire al più presto”.

“Grande soddisfazione” è stata espressa anche dall’assessore della Pubblica Istruzione, Claudia Firino.

“Si tratta dell’epilogo di un percorso seguito dall’inizio del mandato e sul quale ci siamo impegnati molto, dimostra anche che l’azione congiunta portata avanti da Giunta, Consiglio regionale e parlamentari sardi ha dato i suoi frutti. Questa approvazione a fine 2015 significa che gli effetti si inizieranno a vedere già nel 2016 – sottolinea l’assessore – con le azioni di tutela a valorizzazione e la programmazione delle risorse”.

Uno degli ambiti specifici di intervento è rappresentato proprio dalla scuola con l’insegnamento e l’utilizzo della lingua sarda e catalana. “In questi giorni è stata approvata la graduatoria per 232 progetti – ricorda Firino – quelli ritenuti idonei saranno finanziati con 650 mila euro”.