Natale a scuola: a Udine scuole aperte per accogliere i bimbi dei genitori che lavorano

banner

L’associazione dei genitori di Udine sud “In onda” anticipa l’applicazione della riforma e apre le elementari Alberti, Negri e Zardini nel ponte dell’8 dicembre. Il progetto interessa tutti gli alunni di tre scuole che saranno accolti, dalle 8 alle 16, all’Alberti, in via Baldasseria Media.

Lunedì a salire in cattedra non saranno gli insegnanti bensì gli animatori della cooperativa Aracon incaricati dalle mamme e dai papà che lavorano di intrattenere i bambini con attività culturali, giochi, laboratori e gite di istruzione.
“Scuole sempre aperte”, è finanziato dalla Fondazione Crup come iniziativa pensata per i genitori che lavorano e che non sanno a chi lasciare i figli quando le scuole sono chiuse. Il servizio viene messo a disposizione a fronte del pagamento di 15 euro per ogni giorno di utilizzo. Inevitabili i risparmi se si pensa che, mediamente, per una baby sitter si arriva a spendere tra 50 e 80 euro al giorno.

Il centro “Festivo” resta aperto a tutti gli iscritti nelle scuole primarie cittadine.
Sedici le giornate in cui le scuole resteranno aperte: 7, 23, 28, 20 e 30 dicembre, 4 e 5 gennaio, 8, 9 e 10 febbraio e 21, 22, 23, 24, 25 e 29 marzo. Diverse le attività in programma: realizzazione del presepe, una visita nella Udine illuminata per Natale e una giornata in ludoteca. Il 30 dicembre i bambini si dedicheranno al taglia e cuci per confezionare gli abiti di Capodanno. Il 5 gennaio la storia della Befana non sarà messa in discussione, il giorno precedente i bambini saranno invitati a riflettere sulla piramide alimentare. I bambini saranno introdotti nelle attività manuali e culturali.
Complessivamente il progetto costa circa 3 mila 500 euro, una buona metà arriva dalla Fondazione Crup.
La presidente è certa che il servizio riscontrerà un buon gradimento da parte degli utenti. L’associazione conta circa 150 genitori iscritti.