A Cagliari parte la ‘Mensa Verde’

banner

Al via dal 7 gennaio “Mensa Verde”, la mensa a chilometro zero in 8 istituti scolastici (36 plessi) e 3 asili nido. Il nuovo servizio messo in campo dal Comune di Cagliari privilegia cibo di produzione locale, freschezza dei prodotti, minor consumo di plastica e carta.

Le autonomie scolastiche servite dalla mensa sono 12 ed è già in corso la predisposizione di gara per estendere il bando. Il costo dell’appalto, poco più di tre milioni per quattro anni, comporta spese maggiori rispetto al passato. Ma le tariffe restano invariate.

“Si tratta di uno degli appalti più innovativi in termini di sostenibilità – ha detto l’assessore alla Cultura, Enrica Puggioni, nel corso di una conferenza stampa – il progetto è studiato appositamente per asili, scuole materne, elementari e medie che restano aperti fino a tardi”. Per Francesca Ghirra, presidente della commissione Cultura e istruzione, “la mensa verde è un servizio che va a completare quelli rivolti alle scuole cittadine.

L’ Amministrazione ha fatto tanti investimenti per scuola pubblica per combattere la dispersione e ora per affrontare le problematiche legate all’alimentazione e alla riduzione della produzione dei rifiuti”.
Soddisfatto il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Davide Carta, primo firmatario della mozione da cui è scaturito il servizio di ristorazione: “Il progetto bada alla qualità della proposta alimentare da cui deriva la qualità della vita dei bambini e un’educazione alla stagionalità che si porteranno come bagaglio per il futuro. Vista la presenza di studenti stranieri, mensa verde prevede anche giornate a tema nel rispetto della multiculturalità”