Più opportunità per i Neet marchigiani con Garanzia Giovani

banner

Coinvolgere i 34 istituti scolastici già impegnati a contrastare la disoccupazione giovanile e le quattro università marchigiane per orientare al lavoro 2.030 ragazzi Neet: giovani fino a 29 anni che hanno abbandonato lo studio e non cercano un’occupazione. L’obiettivo è quello di avviarne 27 a un percorso di tirocinio e 118, tra laureati e diplomati, al lavoro. È quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale delle Marche che regolamenta l’utilizzo di nuove risorse nazionali del Programma FIxO (Formazione e Innovazione per l’Occupazione) assegnate alla Marche da Italia Lavoro (Agenzia del ministero del Lavoro). Il nuovo programma verrà sviluppato attraverso un Piano regionale, approvato dalla Giunta nell’ultima seduta prenatalizia, che integra gli interventi avviati con Garanzia giovani Marche.

“Con questo provvedimento vogliamo raggiungere i giovani Neet marchigiani che hanno i requisiti previsti dal Garanzia giovani, ma non usufruiscono delle opportunità del programma – spiega l’assessore al Lavoro Loretta Bravi -. A questi ragazzi che non studiano e non cercano lavoro forniamo informazioni sui servizi disponibili, come l’orientamento, l’accompagnamento lavorativo, il tirocinio. Le nuove risorse assegnate consentiranno di implementare le iniziative regionali di Garanzia giovani per contrastare la disoccupazione giovanile e ridurre i tempi di ingresso nel mondo del lavoro, allineando le competenze scolastiche con i fabbisogni professionali delle imprese”.

La delibera della Giunta autorizza la firma della convezione con il ministero del Lavoro, approva il Piano regionale FIxO, con la lista delle scuole e delle università partecipanti. La Regione metterà a disposizione di Italia Lavoro e delle istituzioni scolastiche coinvolte i propri sistemi informativi, attraverso il rilascio di credenziali di accesso: “Una stretta sinergia tra pubblico e privato per accrescere l’efficacia delle risorse disponibili a favore dei Neet”, conclude l’assessore Bravi.