Il Piemonte ha firmato il decreto mutui: in arrivo 65 milioni per l’edilizia scolastica

banner

In arrivo circa 65 milioni per l’edilizia scolastica. Gli enti locali hanno tempo fino al 29 febbraio per procedere all’aggiudicazione provvisoria dei lavori.

È stato prorogato al 29 febbraio 2016, grazie a un intervento del decreto Milleproroghe, il termine ultimo per consentire a comuni, province e Città metropolitana di procedere all’aggiudicazione provvisoria dei lavori finanziati con il Bando Mutui della Regione Piemonte. Lo rende noto l’assessore all’Istruzione Gianna Pentenero specificando che il 30 dicembre scorso è stato stipulato a Roma il contratto con Cassa Depositi e Prestiti che permettere di destinare risorse Bei, la Banca europea per gli Investimenti, per circa 65 milioni di euro all’edilizia scolastica, grazie a un mutuo trentennale agevolato.

Attendevamo con ansia – commenta l’assessore – la firma del contratto che consente finalmente di rispondere alle richieste degli enti locali. Per il bando triennale per la copertura di interventi di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici scolastici, aperto nel febbraio 2015, abbiamo ricevuto più di 500 domande, di cui 484 ritenute ammissibili. Con lo sblocco di questa prima tranche di risorse, siamo in grado di finanziare i primi 116 progetti. Chiusa questa fase, procederemo allo scorrimento della graduatoria e al finanziamento della seconda tranche di risorse”.

I fondi Bei permettono, nello specifico, di dare copertura finanziaria a interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica e all’alta formazione artistica, musicale e coreutica e delle residenze per studenti universitari di proprietà degli enti locali. L’assessore Pentenero fa inoltre sapere che è stato prorogato al 29 febbraio anche il termine per l’aggiudicazione provvisoria dei lavori finanziati con lo scorrimento della graduatoria del  bando “Scuole Sicure” (per il Piemonte si tratta di 28 interventi per circa 6 milioni di euro).