Approvato il bando delle attività di orientamento per ragazzi e giovani dai 12 ai 22 anni a Torino

banner

Ammonta a due milioni e trecentomila euro il budget stanziato dalla Città metropolitana di Torino per i servizi di orientamento scolastico e formativo rivolti ad adolescenti e giovani dai 12 ai 22 anni. L’Ente di Palazzo Cisterna ha appena approvato il bando rivolto agli operatori che dovranno gestire nei prossimi tre anni tali servizi di orientamento, e i fondi serviranno per finanziare attività di orientamento informativo, di accompagnamento e di consulenza finalizzate al successo formativo e all’occupabilità.
“Spesso, le conseguenze di un orientamento poco efficace portano all’abbandono degli studi” sottolinea la consigliera metropolitana delegata all’istruzione Domenica Genisio. “Con questo nuovo bando la Città metropolitana si impegna, in continuità con il passato, a garantire un servizio di orientamento a tutto tondo per realizzare azioni preventive della dispersione scolastica e individuare percorsi il più possibile personalizzati volti all’inserimento formativo o lavorativo, in forte sinergia con le scuole e le agenzie formative, le università, i Comuni e le associazioni”.
Almeno il 70% delle risorse sarà utilizzato per gli interventi rivolti agli adolescenti tra i 12 e i 15 anni, la quota restante per i giovani tra i 16 e i 22 anni. Particolare attenzione sarà dedicata agli allievi a rischio dispersione e in condizione di disagio sociale, e alle ragazze e ai ragazzi interessati a cambiare o a scegliere un nuovo percorso di istruzione e formazione, apprendistato o inserimento lavorativo. Nel 2014 il servizio pubblico di orientamento ha coinvolto circa 30mila adolescenti e giovani sul territorio metropolitano, con oltre 3mila interventi individuali.
“La rete territoriale” conclude Genisio “costituisce l’elemento caratterizzante del nuovo sistema del diritto all’apprendimento per tutta la vita: un sistema di governance che valorizza la programmazione e la realizzazione di interventi di orientamento integrati, continui e rispondenti ai bisogni della persona”.
I progetti presentati dai soggetti accreditati per l’orientamento (agenzie formative, cooperative, atenei) saranno realizzati attraverso la stretta collaborazione di istituzioni scolastiche, Comuni, centri per l’Impiego, servizi socio assistenziali, associazioni di volontariato, associazioni imprenditoriali, organizzazioni sindacali e fondazioni bancarie.
Gli operatori interessati, riuniti in gruppi e reti territoriali, potranno presentare i propri progetti dal 19 al 22 gennaio 2016. Il bando, con il manuale di valutazione e lo schema di presentazione delle proposte progettuali, è disponibile qui:http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/ifp/orientamento