Quarta giornata regionale per l’educazione alla lettura a Udine

banner

“La lettura è uno degli strumenti più potenti di accesso alla cultura e alle fonti di informazione, capace di favorire la partecipazione consapevole alla vita sociale”.

Lo ha affermato l’assessore regionale all’Istruzione, Loredana Panariti, intervenendo a Udine, nell’auditorium dell’Amministrazione, alla 4.Giornata regionale di formazione per l’educazione alla lettura, rivolta a bibliotecari, librai, docenti, futuri docenti e lettori appassionati, che si è svolta in Friuli Venezia Giulia nel contesto dell’accordo multisettoriale per la promozione della lettura in età da 0 a 18 anni, nell’ambito della quinta edizione del programma ‘Crescere leggendo’, sul tema ‘Leggere le figure’.

Una giornata di arricchimento per i numerosi giovani presenti e di verifica degli effetti che il ‘bene lettura’ ha prodotto e produce nella formazione e nella crescita fino al mondo degli adulti, che è stata aperta dal confronto tra una delle più stimate scrittrici francesi di libri per ragazzi, Marie-Aude Murail, i giovani partecipanti e gli insegnanti.

Murail, che in Francia ha ricevuto l’onorificenza della Legion d’Honneur, si è soffermata in particolare sul suo libro più amato dai ragazzi, anche dai giovani del Friuli Venezia Giulia partecipanti al progetto, ‘Ho boy’, divenuto anche un film, e sul ruolo che l’illustrazione svolge sotto il profilo didattico e divulgativo.

La scrittrice ha rivolto parole di vivo apprezzamento per la realtà del Friuli Venezia Giulia e per l’interesse che l’iniziativa ha avuto tra i ragazzi della regione.

Un interesse che la scrittrice francese ha potuto verificare di persona rispondendo alle incalzanti e spesso profonde domande che le sono state poste dai ragazzi e dalle ragazze che, nell’ambito di Crescere leggendo, hanno letto i suoi libri.

“Proprio questo esito dell’iniziativa – ha commentato Panariti – ci conferma, se ce ne fosse stato bisogno, che la lettura favorisce la partecipazione consapevole alla vita sociale, dei giovani e non solo”.

“La scelta di formare giovani studenti capaci di discutere e di confrontarsi sulle proprie esperienze di lettura – ha proseguito l’assessore – com’è avvenuto in questo caso, dimostra quanto sia importante mettere in luce punti di vista, saperi, e domande che ruotano intorno al mondo dei libri”.

“Si tratta inoltre – ha aggiunto – di un importante investimento per la valorizzazione della cultura e di un’attività strettamente connessa con la democrazia, che fonda le sue radici proprio nella conoscenza e nell’informazione”.

“La lettura – ha soggiunto l’assessore Panariti – costituisce nel contempo un fattore cruciale per lo sviluppo della persona e per stimolare la sua attenzione nei confronti sia del mondo esterno che degli altri, e faciliterà una presenza attiva nella società”.

Nel corso della Giornata, sia i ragazzi che gli insegnanti presenti all’evento hanno infatti dimostrato, con la loro attenta partecipazione, l’importanza della promozione della lettura in ambito scolastico, esprimendo i loro punti di vista e interrogando con intelligenza l’autrice francese per esprimere pensieri diversi e originali.

Anche l’assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, manifesta in proposito vivo apprezzamento per l’iniziativa, sostenendo a sua volta, nel rappresentare la soddisfazione della Regione per la presenza dell’autrice Murail, che “l’educazione alla lettura rappresenta per la nostra Regione uno degli strumenti più validi per lo sviluppo culturale, economico e sociale della collettività”.

“Proprio per questo – ricorda Torrenti – lo scorso mese di giugno la direzione alla cultura, assieme a quelle all’istruzione e alla salute, ha sottoscritto l’Accordo multisettoriale per la promozione alla lettura 0-18, con l’obiettivo di diffondere in maniera capillare e strutturata la lettura in età scolare e pre-scolare: Crescere Leggendo, Nati per leggere e Youngster rappresentano lo strumento attuativo di tale accordo”.

Nel pomeriggio si sono tenuti quattro workshop sul tema ‘Le immagini del mondo, le figure dei libri’, e, in chiusura, l’intervento della scrittrice Murail sul tema ‘Più leggi, più cresci’.