Alternanza scuola-lavoro, si parte in Molise con la “Via italiana del sistema duale”

banner

Oggi a Roma il sottosegretario al Lavoro, Luigi Bobba, e il presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura, hanno sottoscritto il protocollo di intesa per la sperimentazione. Si tratta di una misura volta a promuovere, in maniera innovativa, la formazione dei giovani studenti e a favorire la transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro partendo proprio dalle esperienze formative maturate negli anni dell’apprendimento grazie all’alternanza rafforzata.

“Oggi l’avvio di un percorso, costruito e seguito con impegno dal nostro assessore Petraroia, che ringraziamo per il lavoro svolto – dichiara il presidente Frattura -. Offriamo ai ragazzi molisani opportunita’ importanti per la crescita formativa e lavorativa. Il protocollo siglato con il Ministero del lavoro e’ uno degli strumenti attuativi dell’Jobs Act, attraverso il quale in linea con il Governo favoriamo l’occupabilita’ dei giovani e la possibilita’ di conseguire un titolo di studio anche attraverso un contratto di apprendistato”. “Mettiamo in campo azioni di grande valenza che metteranno i nostri giovani nelle condizioni di costruirsi un futuro consapevole gia’ negli anni della formazione scolastica – prosegue con soddisfazione Frattura -. Diciamo grazie anche al Governo per averci coinvolto in questa sperimentazione che rafforza il valore e l’efficacia dell’alternanza scuola-lavoro”.

L’ammontare delle risorse aggiuntive destinate alla realizzazione della Linea 2 “Sostegno di percorsi di IeFP (Istruzione e Formazione professionale) nell’ambito del sistema duale” per la Regione Molise e’ di 406 mila euro, 203.373 euro per ciascuno degli anni 2015 (anno formativo 2015/16) e 2016 (anno formativo 2016/17). La sperimentazione del sistema duale, preceduta da uno specifico accordo approvato lo scorso 24 settembre dalla Conferenza Stato-Regioni, consentira’ dunque in un biennio anche ai giovani molisani di poter conseguire i titoli di studio con percorsi formativi che prevedono una effettiva alternanza scuola-lavoro.

Per una parte dei giovani studenti l’apprendimento in impresa avverra’ tramite un contratto di apprendistato di primo livello, mentre per l’altra parte avverra’ attraverso l’introduzione dell’alternanza rafforzata di 400 ore annue a partire dal secondo anno del percorso di istruzione e formazione professionale.
Il progetto sperimentale che sara’ attuato in Molise sara’ modellato sulla base delle seguenti priorita’: accrescere l’importanza della rete territoriale di partenariato tra soggetti accreditati al lavoro e soggetti istituzionali del territorio per integrare servizi e azioni tendenti a favorire l’inserimento lavorativo; favorire i livelli essenziali di formazione in base al profilo professionale espresso per unita’ di competenza e in funzione dei fabbisogni occupazionali del territorio. Tra i principali obiettivi, l’impegno a limitare il piu’ possibile la dispersione scolastica.