A Trento il M5S si farà carico degli emendamenti Anief su assunzioni, stipendi e Clil

ANIEF – Il M5S si farà carico delle proposte emendative dell’Anief alla Legge di Stabilità della Provincia Autonoma di Trento per la tutela dei diritti del personale della scuola, di ruolo e precario: il partito politico ha assicurato che le trasformerà in proposte emendative, che saranno discusse in settimana. I temi riguardano la stabilizzazione dei precari delle Graduatorie Permanenti trentine, l’apertura delle stesse graduatorie pre-ruolo ai nuovi abilitati, il pagamento dell’indennità di vacanza contrattuale e la contrattazione con i sindacati rappresentativi per il decreto sui Clil.

Offerta formativa: a Trento proseguono gli investimenti nel settore

La Giunta provinciale prosegue con convinzione gli investimenti a sostegno della scuola, settore di primaria importanza in cui investire per il futuro dei nostri giovani. “Uno dei pilastri portanti di questa legislatura è rappresentato dal valore che attribuiamo al capitale umano – queste le parole del governatore Rossi dopo l’approvazione di alcune importanti delibere che attribuiscono un totale di euro 23.058.725,940 alle istituzioni scolastiche e formative provinciali -. Per questo – ha proseguito Rossi – anche con i provvedimenti approvati nella mattinata di oggi, abbiamo continuato ad investire in istruzione mantenendo inalterate le percentuali di investimento nel settore scuola, pur a fronte delle ben note restrizioni sul bilancio provinciale”.

No al concorso a cattedra a Trento, sì alla stabilizzazione dei precari della PAT

Sindacato Delsa – Facciamo seguito alla entusiastica proposta della consigliera Bottamedi, la quale pochi giorni fa ha chiesto ed ottenuto in QUESTION TIME la disponibilità del governatore Rossi ad indire un concorso in provincia di Trento, parallelamente a quello nazionale, riservato agli ABILITATI delle graduatorie scolastiche di istituto trentine per dare anche ad essi un (ultimo) canale di reclutamento prima della eliminazione delle graduatorie d’istituto entro cui essi sono attualmente collocati.

Trento, Anief chiede emendamenti alla Legge di Stabilità della Provincia per assumere i precari storici e adeguare gli stipendi di tutto il personale

Il sindacato Anief ha presentato due emendamenti alla Legge di Stabilità della Provincia Autonoma di Trento per la tutela dei diritti del personale della scuola, di ruolo e precario. Le modifiche alla ddl, n. 106 e 107, intendono raggiungere principalmente tre obiettivi: stabilizzare il personale con oltre 36 mesi di servizio svolto, compresi i supplenti che sono inseriti solo nelle graduatorie d’Istituto attraverso il loro inserimento nelle GaE, come accadrà nel 2016 a Bolzano; attribuire a tutto il personale quell’indennità di vacanza contrattuale non più assegnata dall’aprile del 2010 e che ha portato gli stipendi ben oltre sotto il tasso d’inflazione; assicurare la presenza di docenti per l’insegnamento in lingua straniera con modalità Clil, solo dopo aver informato i sindacati che verificheranno il corretto conferimento degli incarichi.

Trento: La “BUONA SCUOLA” versione locale giunge al TAR

Comunicato –  Arriva a giudizio, domani 19 novembre 2015 (salvo eventuali rinvii), davanti al TAR regionale, il cosiddetto “trilinguismo”, un metodo di insegnamento che prevede di destinare una quota crescente di ore di insegnamento di materie scolastiche in lingua inglese e tedesca attraverso la metodologia CLIL (Content and Language Integrated Learning).

A Trento le docenti di infanzia precarie riceveranno gli incarichi tramite un sistema telematico

La Provincia di Trento, in collaborazione con la Federazione Provinciale delle Scuole Materne, ha  predisposto in via sperimentale un applicativo informatico per l’avvio di un progetto di “chiamata unica”, che servirà per attribuire gli incarichi  a tempo determinato nelle scuole dell’infanzia della provincia di Trento.