Con il piano assunzioni centinaia di insegnanti del Friuli V.G. a casa?

banner

Riportiamo una interrogazione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia/Alleanza Nazionale, Luca Ciriani, a favore dei docenti friuliani.

Il consigliere non cita le fonti delle proprie affermazioni nel momento in cui afferma "va anche considerato che il 50% dei docenti inseriti nelle GAE nazionali pare addirittura non abbiano mai insegnato e che sempre il 50% dei contratti annuali sono coperti a livello nazionale da docenti inseriti nella graduatoria di Istituto II fascia".

Centinaia di insegnanti del Friuli Venezia Giulia sono a rischio di perdere la cattedra a seguito del Decreto “Buona scuola” del Governo Renzi. È opportuno sapere se la presidente Serracchiani è a conoscenza di questa situazione di incertezza che grava sul futuro dei docenti regionali”. A chiedere l’intervento della presidente della Regione FVG è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia/Alleanza Nazionale, Luca Ciriani che ha depositato una interrogazione.

“Tenuto presente che da quanto si può comprendere nella confusione di annunci e smentite, il Governo intenderebbe stabilizzare innanzitutto se non esclusivamente i circa 150.000 docenti iscritti nelle liste GAE (Graduatorie ad esaurimento) e che quindi rischiano di perdere il posto di lavoro centinaia di insegnanti del FVG con accertata professionalità e provata esperienza in Friuli Venezia Giulia, che lavorano con contratti a tempo determinato anche da oltre dieci anni sia nella scuola secondaria di primo che di secondo grado ma non iscritti alle GAE, è opportuno che la presidente intervenga urgentemente presso il Governo e in Conferenza Stato-Regioni affinchè venga scelto come prioritario per la stabilizzazione del personale docente, compreso quello non iscritto al GAE, il requisito di aver insegnato per almeno tre anni negli ultimi cinque”.

“È opportuno sottolineare – continua Ciriani – che nella nostra Regione le Graduatorie ad esaurimento risultano esaurite per le materie di matematica, italiano, spagnolo, tecnologia, sostegno alle medie, e spagnolo alle superiori e che sempre in Friuli Venezia Giulia non è stato indetto il concorso del 2012; va anche considerato che il 50% dei docenti inseriti nelle GAE nazionali pare addirittura non abbiano mai insegnato e che sempre il 50% dei contratti annuali sono coperti a livello nazionale da docenti inseriti nella graduatoria di Istituto II fascia”.

“Con il piano Renzi – conclude il consigliere di Fratelli d’Italia – si rischia che vadano a casa centinaia di insegnanti del FVG con esperienza per mettere a ruolo persone, magari provenienti anche da altre regioni, che non hanno mai insegnato un solo giorno, oppure docenti senza cattedra in quanto abilitati in materie secondarie o non utili, ma che sono solo iscritti alle GAE”.

È quanto rende noto la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. [fonte Agenparl]