Tremila i precari in Friuli Venezia Giulia che sperano nel ruolo

banner

Sono tremila gli insegnanti in Friuli Venezia Giulia che sperano di essere assunti per effetto della riforma del governo. Lo ha reso noto il direttore dell’Ufficio scolastico regionale, Pietro Biasol, nell’audizione di ieri in Sesta Commissione del Consiglio regionale. “Non abbiamo ancora dati esatti su quanti potrebbero effettivamente entrare in ruolo – ha spiegato – ma il dato certo è che abbiamo circa tremila persone iscritti alle Gae, cioè tra chi sono i vincitori del concorso del 2012 e chi sta nelle graduatorie a esaurimento. Degli oltre centomila che si potrebbero assumere in Italia – ha precisato – non conosciamo ancora il numero che spetta al Friuli Venezia Giulia. Comunque il bacino in regione – ha ribadito – è di tremila unità”.

Per l’anno scolastico 2015-2016, gli istituti statali sono 173 (di cui 155 di lingua italiana, 14 di lingua slovena), quattro invece i Centri per l’insegnamento degli adulti (Cpia); cinque scuole sono sottodimensionate.

Per quanto riguarda il personale, considerando sia i dirigenti che i non dirigenti, secondo i dati dell’Ufficio regionale a fine 2014 risultavano 102 dipendenti rispetto ai 221 previsti nella pianta organica. “Abbiamo avuto un aumento di docenti per le scuole superiori, per 50 posti, – ha fatto sapere ancora Biasol – ma a fronte di un taglio di 30 nella scuola primaria. Tutto ciò con una crescita degli iscritti: 146 mila in totale, 562 in più dell’anno precedente”.

L’incremento è stato registrato soprattutto nelle secondarie superiori, mentre gli altri istituti segnalano un trend in diminuzione. Il rapporto medio è di 12 giovani ogni insegnante e 20 per classe. Le “paritarie”, invece, sono 231, con 17.321 iscritti; 802 in meno di due anni fa. Inoltre, ai 1.297 posti in organico per insegnanti di sostegno assegnati dal ministero, sono 293 quelli concessi in deroga dall’Ufficio scolastico, per un rapporto complessivo di un insegnante di sostegno ogni due alunni disabili. Considerando i 173 istituti esistenti, il sistema può contare su 122 dirigenti.